Troppa plastica nell’acqua! Anche in quella da bere

Home - Blog - Troppa plastica nell’acqua! Anche in quella da bere
plastic-bottles-388679_960_720
Quando, intorno agli anni ’30 del ventesimo secolo, nacque e rapidamente si sviluppo l’industria della plastica, nessuno poteva immaginare che quella che sembrava una rivoluzione positiva si sarebbe trasformata in uno dei più grandi problemi dell’umanità.
Enormi isole di plastica  galleggiano sugli oceani a tutte le latitudine. 
L’ultima che si è formata, considerata la più piccola, è stata scoperta nel mare di Barents, in prossimità del circolo polare artico. Affoghiamo in un mare di plastica che non conosce limiti geografici.
Niente e nessuno può considerarsi indenne.

Uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Milano nell’estate 2018 ha testimoniato la presenza di microplastiche sul Ghiacciaio dei Forni, nel Parco naturale dello Stelvio -si presume potrebbero essere presenti dai 131 ai 162 milioni di microplastiche-.

Vi consiglio la lettura di un articolo interessante sul tema dell’inquinamento idrico da plastica.

Numerose ricerche mostrano la presenza di fibre di plastica negli oceani, nelle acque dolci, nel suolo e nell’aria e provano l’esistenza di una contaminazione da plastica nell’acqua corrente di tutto il mondo. Le possibili conseguenza sulla salute non sono ancora state accertate anche se non è imprudente pensare che possano essere dannose.
Una delle maggiori fonti di inquinamento da plastica sono le bottiglie utilizzate per l’acqua e in genere per i liquidi. Circa 1 milione di bottiglie di plastica vengono vendute ogni minuto nel mondo e solo il 14% viene riciclato.
Tra le migliori soluzioni per dare un fattivo contributo alla riduzione di questo tipo di inquinamento posso consigliare i depuratori d’acqua a microfiltrazione
I vantaggi sono molti: acqua sempre pura, senza contaminazioni e a km zero, disponibilità continua di acqua sia liscia, sia gasata, meno costi, nessun vuoto da gestire e un grande contributo al benessere dell’ambiente.
Ci sono soluzioni sia per il consumo domestico, sia per la ristorazione.
img
Come consulente per l’efficientamento energetico e delle risorse, ho individuato un buon sistema rivolto al mondo professionale e alle comunità.
Se hai un ristorante, un bar, una mensa o un ufficio e spendi oltre 500 € di acqua in bottiglia al mese oppure hai una palestra, una scuola, un asilo, un centro ricreativo e vuoi mettere acqua buona e fresca a disposizione di tutti, il depuratore d’acqua a microfiltrazione è la soluzione indicata per te. E’ ecologico, pratico ed economico.

Leave A Comment